Archivio

Moju Manuli: Street art lesbica in Sardegna

Le donne di Moju Manuli

Le donne di Moju Manuli

Ho conosciuto Moju Mali per caso sulla Rete, e tra una chiacchierata e l’altra sono rimasta profondamente colpita dal progetto che sta cercando di portare avanti in Sardegna, territorio spesso dimenticato e ostico, dove si pensa che l’omosessualità dichiarata sia invivibile a causa di una mentalità troppo chiusa. Ho così deciso di farle un’intervista per far conoscere chi è e cosa fa, perché credo che sperimentare e sperimentarsi, a partire da tutti gli stimoli che una persona riceve, sia alla base del fare politica concreta e della possibilità di provocare cambiamenti reali.
Le donne di Moju Manuli - il giorno dopo l'affissione

Il giorno dopo: il tentativo di ignoti di distruggere l'opera

1) Qual è l’obiettivo della tua arte e cosa significa il tuo nome Moju?

Sos mojos (plurale)  erano contenitori in sughero che in passato aveva vari utilizzi ma che in particolare venivano utilizzati come “casette” per le api, erano gli alveari che hanno preceduto le arnie razionali, contenitori cilindrici chiusi da un tappo sempre in sughero.
Ho scelto questo nome perché fra le mie varie passioni c’è l’apicoltura, mi piace il suono che fa questa parola in bocca e mi piace immaginarmi questi sugheri ronzanti…
Posso pensare a unu moju come ad un contenitore pieno di vita e di idee, brulicante di voli e sempre in movimento.

Per quanto riguarda i miei lavori mi muovo fra fumetto e street art, ma anche se disegno da sempre sono ancora all’inizio del mio percorso artistico. Per tanto tempo ho pensato di fare street art ma non riuscivo a trovare il “come” e fondamentalmente il coraggio di iniziare.

Per i miei ultimi fumetti (che per dirla a grandi linee partono dall’esperienza di emigrazione sarda lesbica..) come per l’arte di strada quel che mi ha mosso è stato il desiderio di leggere e vedere qualcosa che non riuscivo a trovare attorno a me. Ho visto che è una cosa comune con altre/i artiste/i…se non trovi intorno a te quello che vuoi finisci per capire che forse sei tu che devi crearlo, altrimenti passi il tempo ad aspettare non si sa bene cosa…

Io vengo da un percorso lesbofemminista, mi interesso di arte contemporanea, e ho avuto modo di ragionare e confrontarmi con tante altre compagne sulla mancanza di un immaginario che mi/ci corrispondesse, come lesbiche ma anche come donne non “omologate” al sistema dominante, sulla violenza e la frustrazione che portano gli stereotipi imposti, e sulla forza delle immagini che da ogni parte ci circondano, ci parlano, monopolizzano il nostro quotidiano e i nostri desideri (o ci provano insomma), condizionano in un modo o nell’altro la realtà in cui viviamo, rispecchiandola ma anche proponendola nei vari modelli da seguire.

Per cui dopo un tot ti chiedi dov’è che puoi leggere la tua storia se non la trovi scritta da nessuna parte, dove trovi una foto, un disegno, un qualcosa, dov’è che puoi guardare qualcosa in cui ti piace ritrovarti, fantasticare, e magari anche…dove compri quei gadget carini (ebbene anche questo, sì)?

Il mio desiderio quindi è contribuire a costruire, inventare, creare un immaginario differente, che rappresenti la felicità, la rabbia (costruttiva), la voglia di cambiare e trasformare questa società e cultura. Parto da me, dal mio vissuto e percorso…sarda, lesbica, anticolonialista, antisessista, antirazzista, antifascista… vorrei che si vedesse questo. Vorrei riuscire a nominare questo, a far sentire una voce che non riesce a venir fuori facilmente, e a farlo tramite le immagini.

Nei miei lavori riporto le donne con i vestiti tradizionali sardi non solo per “reinventare” il passato, riscrivere quello di cui non ci è stato detto…ma soprattutto per dire che invece “ci siamo sempre state”, nell’invisibilità, senza un nome, ma c’eravamo.

E il fatto di scegliere di far “reindossare” il “costume” alle lesbiche e alle altre donne che rappresento è per me un sinonimo di riappropriazione.
Mi sono sentita dire “per noi il costume ha un significato quasi sacro, rappresenta la nostra identità la nostra tradizione e la nostra cultura, e non deve essere utilizzato per scopi diversi ” cioè nello specifico di questa frase per poter rappresentare delle lesbiche, come se noi non appartenessimo alla cultura e alla tradizione, come se la cultura e la tradizione non ci appartenessero, allora ancora di più me lo riprendo perché per me ha un valore, esisto anche io!esistiamo anche noi!!!

Ancora una cosa che mi interessa è la questione linguistica, nelle mie opere voglio utilizzare e valorizzare la lingua sarda (Limba) e la LIS (Lingua Italiana dei Segni).

Una cosa un pò particolare in quel che faccio forse è che, mentre in genere la street art è più “cittadina”, venendo io da una realtà di paese è lì che la immagino.
Per cui parcheggi, sottopassaggi, muraglioni di contenimento, nelle strade dei paesi o tra un paese e l’altro, questi sono i posti che scelgo. Perché è alle lesbiche dei paesi, è alle persone dei paesi, o di passaggio in queste zone che mi rivolgo, sono loro che vedono queste opere. Inoltre, mentre  magari a Cagliari e Sassari c’è una certa realtà di aggregazione lesbica e più in generale lgbt e femminista (anche se non è comunque questa presenza massiccia diciamo) nei paesi si resta invisibili, sommerse quasi totalmente per lo più…ed è appunto per questo che scelgo di “uscire” là.
E’ quella la mia realtà, è là che voglio stare e rendermi visibile.

Le donne di Moju Manuli

Le donne di Moju Manuli


2) In Sardegna esiste un immaginario lesbico?

Credo che, in Sardegna come altrove, un immaginario lesbico ce lo stiamo inventando mano a mano, con le nostre vite, e anche a fatica. Mi chiedo infatti: come distinguere le immagini “globalizzanti” che ci arrivano dall’esterno anche degli “stereotipi” lesbici, e quello che possiamo invece sentire come “nostro” immaginario, se questo “nostro” non c’è …? Come si fa?

Io ho un mio immaginario lesbico che sto tirando fuori, ma che corrisponde al mio modo di vedere e desiderare, non posso dire che sia una cosa generale, assolutamente. Per me vedere una donna in camicia e pantaloni di velluto coi rivoltini (modo di vestire dei ragazzi maschi dell’ambiente agropastorale), o in abito della festa tradizionale, corrisponde a sinonimo di bello ed erotico…ma sono i miei punti di vista, chissà che i miei lavori non contribuiscano a diffonderli ahah!

3) Cosa fai attualmente in Sardegna?

Sono tornata di recente a vivere sull’Isola dopo quasi nove anni a Roma…

Non sarei mai rientrata da sola, al di là del discorso lavorativo c’è quello, forte, sociale, per nulla semplice. Sono tornata con una sorta di progetto collettivo di ripopolamento, è un “ritorno dall’emigrazione”, legato alla rivalutazione delle vecchie case in pietra (ecocase) e alle potenzialità del luogo che scegliamo di tornare a vivere. Mettere insieme le energie e non perdere di vista chi siamo ma al tempo stesso interagire con l’ambiente circostante, con la vita di un paesino di quelli che dell’emigrazione sono vittima e negli anni si spopolano sempre di più.

Provo ad andare controcorrente e quel che mi ripeto è, terra terra, che se dovesse andare male posso sempre ripartire. In questo momento sto cercando di mettere le basi per poi vivere, è come un nuovo inizio.

E mentre mi sento precaria e cerco un equilibrio, comincio a trovarlo in un orto, allevando api, raccogliendo erbe ed imparando ancora e conoscendo piano piano nuove persone affini ai vari interessi, nuove compagne, disegnando ed  improvvisando attacchinaggi notturni, facendo progetti…

 4) Cosa consiglieresti ad una donna che vorrebbe cominciare ad esprimersi come fai tu con la street art?

Per quel poco che posso consigliare mi sento di dire: fai!

Prendi appunti anche mentalmente e comincia a fare. Tutto qua.
Io ho temporeggiato all’infinito, aspettando di fare qualcosa con altre, e poi non succedeva mai…alla fine, in corrispondenza col mio rientro in Sardegna, ho iniziato dei lavori… una volta che sono pronti va da sé che vengano fuori!

Poster, stancil, adesivi, murales, graffiti… quale che sia il vostro modo: fate!
Tirate fuori le idee, usate la fantasia anche nel reperire i materiali e riempite i muri, sono lì apposta!

Oltretutto, come in altri contesti, le donne che fanno street art sono meno degli uomini, e molte non rivendicano percorsi di genere, femministi o tantomeno lesbici. Insomma c’è proprio bisogno che usciamo in questo senso!

Moju

Link collegati:


1 commento perMoju Manuli: Street art lesbica in Sardegna

Lascia un comento

 

 

 

Puoi usare questi tag

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>